CYTOMEGALOVIRUS

Il cytomegalovirus è un herpes virus che si trasmette in stretto contatto interumano. La maggior parte dei soggetti risulta infettata in modo asintomatico. Il virus, al contrario, è molto pericoloso nei pazienti immunodepressi nei quali può provocare la morte. Le donne sieronegative che contraggono la malattia durante la gravidanza la possono trasmettere al feto. Nel 95% dei casi questo avviene senza conseguenze ma nei neonati sintomatici si può avere ittero, epato-splenomegalia e ritardo psicomotorio. Per questo è molto importante conoscere lo stato immunitario della paziente ed osservare l'eventuale sieroconversione. Un aumento significativo nel titolo di IgG anti Cytomegalovirus suggerisce una infezione recente o una riattivazione di una infezione latente. Alcune volte non basta la sola individuazione di anticorpi IgM, poiché la presenza di questi anticorpi può essere dovuta a persistenza delle IgM o reinfezione asintomatica da cytomegalovirus, senza presentare rischi per il feto. Per questo risulta utile dosare l'avidità degli anticorpi IgG in quanto è stato dimostrato che questa è bassa nella fase acuta ed aumenta con il passare del tempo. Per questo la presenza di anticorpi a bassa avidità è indice di infezione recente o in atto.


Metodica:

Metodo immunoenzimatico per la determinazione quantitativa degli anticorpi IgG, qualitativa degli anticorpi IgM e per la determinazione qualitativa dell'avidità degli anticorpi IgG anti Cytomegalovirus nel siero umano. Il test è basato sul principio ELISA (Enzyme Linked ImmunoSorbent Assay). Il test ELISA sfrutta la reazione tra anticorpi presenti nel campione testato e l’antigene immobilizzato su fasi solide. Per incubazione con siero umano diluito le immunoglobuline specifiche si legano all'antigene. Il risultato è espresso in indice rispetto a un valore di cut off per i test qualitativi e in Unità Internazionali (IU/mL) per i test quantitativi.

CMV SCREEN

sensibilizzati con antigeni del Cytomegalovirus

Kit per la determinazione delle immunoglobuline anti-Cytomegalovirus nel siero umano con metodo immunoenzimatico a competizione.
Codice 91013
Quantità 96 det.
METODO ELISA a competizione
TIPOLOGIA Test qualitativo
SENSIBILITA' DIAGNOSTICA 99,3%
SPECIFICITA' DIAGNOSTICA 99,8%
TEMPO DI INCUBAZIONE 75 min
VALIDITA' 15 mesi dalla data di preparazione
TEMPERATURA DI CONSERVAZIONE 2°/8°C

Download

IFU

SDS

CoA

Dichiarazione di conformità CE

CYTOMEGALOVIRUS IgG

sensibilizzati con Cytomegalovirus

Kit per la determinazione degli anticorpi IgG anti-Cytomegalovirus nel siero umano. Contiene calibratori liquidi pronti all’uso per il dosaggio degli anticorpi IgG anti-Cytomegalovirus con metodo ELISA. Titolati in Unità Internazionali.
Codice 91010
Quantità 96 det.
METODO ELISA indiretta
TIPOLOGIA Test quantitativo
SENSIBILITA' DIAGNOSTICA 100%
SPECIFICITA' DIAGNOSTICA 100% CI95%: 97.1. – 100
TEMPO DI INCUBAZIONE 105 min
VALIDITA' 15 mesi dalla data di preparazione
TEMPERATURA DI CONSERVAZIONE 2°/8°C

Download

IFU

SDS

CoA

Dichiarazione di conformità CE

CYTOMEGALOVIRUS IgG AVIDITY

sensibilizzati con Cytomegalovirus

Kit per la determinazione dell’avidità degli anticorpi IgG anti-Cytomegalovirus nel siero umano.
Codice 91092
Quantità 24 det.
METODO ELISA indiretta
TIPOLOGIA Test qualitativo
TEMPO DI INCUBAZIONE 120 min
VALIDITA' 15 mesi dalla data di preparazione
TEMPERATURA DI CONSERVAZIONE 2°/8°C

Download

IFU

SDS

CoA

Dichiarazione di conformità CE

CYTOMEGALOVIRUS IgM

sensibilizzate con anticorpi monoclonali anti-IgM umane

Kit per la determinazione degli anticorpi IgM anti-Cytomegalovirus nel siero umano. Tecnica a cattura.
Codice 91011
Quantità 96 det.
METODO ELISA a cattura
TIPOLOGIA Test qualitativo
SENSIBILITA' DIAGNOSTICA 98.4 %
SPECIFICITA' DIAGNOSTICA 97.8 %
TEMPO DI INCUBAZIONE 105 min
VALIDITA' 15 mesi dalla data di preparazione
TEMPERATURA DI CONSERVAZIONE 2°/8°C

Download

IFU

SDS

CoA

Dichiarazione di conformità CE

Bibliografia

Analisi della concordanza analitica e clinica tra due sistemi analitici nella determinazione di anticorpi anti toxoplasma, rosoliavirus e cytomegalovirus